Chi Siamo

Motivazioni e premesse

“www.aspromonte@liberaMente.it” è un Progetto di educazione ambientale e per il recupero delle risorse, che parte dal basso, dal mondo della scuola e mira a stimolare un’adeguata attenzione da parte degli studenti e delle loro famiglie verso le problematiche del territorio. Finalizzato alla valorizzazione delle risorse del Parco Nazionale dell’Aspromonte nasce dall’esigenza di attivare un processo, che coinvolga il mondo della scuola nella sua totalità. Essa, difatti, può svolgere un ruolo decisivo rispetto all’affermazione di un modello di relazioni sociali che riconsideri i valori di un rapporto equilibrato con la natura e l’ambiente, inteso come complesso universo nel quale interagiscono patrimonio naturalistico, storia, cultura e tradizioni

Avviato nell’anno scolastico 1999/2000 per iniziativa di sei Istituti Superiori della provincia di Reggio Calabria, “consorziati con l’Ente Parco, ha coinvolto, nelle attività programmate e realizzate, non solo gli studenti e le loro famiglie ma anche Istituzioni, personalità della cultura calabrese, ricercatori ed Associazioni che operano nel campo delle politiche ambientali e sociali. Il lavoro svolto, di ricerca, di analisi e d’intervento, ha consentito ai ragazzi che vi hanno partecipato di scoprire l’enorme patrimonio ambientale di cui dispone la nostra terra, stimolandoli ad immaginare come esso possa essere recuperato, a fini socio-produttivi, nel pieno rispetto del suo equilibrio.

Strumenti e mezzi

Strumenti e mezzi d’attuazione del Progetto sono da considerare non solo le attrezzature, i materiali e le tecnologie di cui dispone ciascuna Scuola, oltre ai supporti didattici tradizionali, ma, soprattutto, le possibilità di scambio delle informazioni, di comunicazione in tempo reale e di condivisione dei percorsi e delle esperienze.

L’impegno che in questa direzione gli Organi Collegiali devono quindi assumere è quello di rendere possibile e facilitare tutto ciò, mettendo a disposizione risorse, strutture e spazi fruibili.

Il sito su “word wide web” del Progetto, messo a punto lo scorso anno, dovrà poter diventare area di consultazione, di informazione e di scambio anche utilizzando forme e modalità interattive.

Attività collaterali

La complessità del Progetto, la sua caratteristica di “Progetto di rete”, i soggetti che esso coinvolge al di fuori dell’ambito scolastico e la sua piena aderenza ai principi dell’autonomia richiedono, da parte dei docenti coinvolti, non solo capacità di coordinamento ma, soprattutto, un impegno attivo teso a ricercare e perseguire possibili percorsi comuni a più discipline ed ad ambiti diversi.

Le attività punteranno, quindi, a sostenere questo impegno ed a facilitare, nei confronti dei ragazzi, un approccio più concreto ad una sempre più consapevole formazione multidisciplinare.

Queste le principali attività auspicabili:

Iniziative, proposte nell’ambito del Progetto, dalle Scuole, dagli Enti e dalle Istituzioni;

  • Formazione di gruppi di lavoro di inter-classe e inter-scuole;
  • Organizzazione di giornate di approfondimento e/o coordinamento su tematiche specifiche;
  • Organizzazione di incontri e iniziative pubbliche per la presentazione dei lavori realizzati;
  • Organizzazione di conferenze stampa e incontri con i media.
Aspromonte LiberaMente e la ex base USAF di monte Nardello

Chiaramente, la storia di Aspromonte LiberaMente non può prescindere da quella della Ex Base USAF di monte Nardello. Questa mozione, fu infatti una delle prime azioni intraprese dal Aspromonte LiberaMente a sostegno del progetto.

La nascita dell’associazione Aspromonte LiberaMente

Il 10 maggio del 2005 il progetto scolastico Aspromonte LiberaMente diventa Associazione Aspromonte LiberaMente ONLUS.

Lo statuto dell’associazione: Statuto Aspromonte LiberaMente

Annunci